Jalandhara Bandha

Jala in sanscrito può essere tradotto con corso d’acqua, una massa di liquido che fluisce. Il termine dhara invece indica una rete, ma anche il concetto di trattenere, intrappolare.

Per pjala1raticare Jalandhara Bandha correttamente è necessario aprire bene il petto e lo sterno, allungare la schiena e collocare il mento nella forca dello sterno, tra le clavicole. In tal modo si realizza una delle condizioni basilari di Jalandhara, l’estensione della zona cervicale, assicurando una compressione quasi ideale a livello della zona del collo.

Con questa chiusura un particolare flusso di energia viene imprigionato nel plesso cervicale, evitandone la dispersione e favorendone invece la canalizzazione in shushumna, il condotto centrale energetico, di cui si paerlerà in un altro articolo.

Jalandhara bandha può essere quindi descritto come un gesto che imprigiona un fitto gruppo di nervi e di vasi. Il flusso liquido invece, a diversi livelli di sottilità, sjalandhara bandhai riferisce tanto al sangue quanto alla linfa, quanto all’energia, cui viene impedito di scendere verso la gola e oltre.

La pratica corretta di questo bandha stimola la tiroide e la paratoroide, dirige il flusso dell’energia pranica direttamente verso il cuore,  sigilla l’aria nel torace e stira la regione cervicale della colonna, stimolando il quinto chakra all’altezza della gola, il Vishuddha chakra.

 

 

 


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...