Samyavastha Yoga

साम्यावस्था – Samyavastha

Samyavastha può essere tradotto dal sanscrito come armonia, equilibrio cosmico e rende perfettamente il fine ultimo di questa ricerca infinita che è lo yoga.

Spesso si tende a etichettare lo yoga come una disciplina troppo statica o troppo dinamica, troppo facile o troppo difficile, troppo spirituale o troppo severa..

Nessuna di queste descrizioni però rende giustizia a una pratica talmente ricca e millenaria.

Yoga letteralmente significa “unione” e derivaIMG_4012 dalla radice sanscrita yui, che indica l’unione fisica e spirituale allo scopo di portare ad una riconciliazione dell’individuo e ad un’armonia interiore.

Trovare una definizione che abbracci l’intero universo della disciplina è quindi limitante, molto meglio scoprire cosa lo yoga può offrire a ognuno di noi inteso come singolo individuo, momento per momento. Spesso infatti si comincia in un modo e poi si progredisce, si cambia, magari dall’aspetto più fisico si va verso quello più sottile o viceversa. Perché no? Siamo qui tutti per imparare, cambiare, trasformarci tenendo fede a noi stessi. Non autolimitiamoci.

Il mio scopo come insegnante è di toccare più aspetti della pratica yogica, cercando di offrire ad ognuno la giusta via per poter scoprire questa antica disciplina alla sua maniera.
Nelle mie classi cerco quindi di affiancare alla pratica più fisica di asana, le posture, delle tecniche di depurazione, (shat karma o shat kriya),  degli esercizi di respirazione, (pranayama),dei mudra, (gesti delle mani) e non per ultima la meditazione.